mercoledì 22 giugno 2011

Sono una donna pericolosa - Joan Cavanagh

in Foto: Anna Stepanovna Politkovskaja (1958-2006), che pericolosa lo è stata davvero.

La poesia che segue, è stata scrita da Jona Cavanagh, archivista, attivista, storica e scrittrice freelance che vive a New Haven, Connecticut. Ai tempi aveva solo 21 anni. Nel 1972, dopo varie ristampe, si è giunti alla versione definitiva.
Schelgo la foto di Anna, perché colgo affinità di pensiero fra queste donne, e perché non posso non ammirare chi, come scrisse Anna Achmatova, poetessa Russa (anche lei)  "...La vita diede per un solo sguardo". Bellissimo il saggio che Roberto Saviano le ha dedicato nel suo libro "La bellezza e l'inferno"


Sono una donna pericolosa.


Non porto bombe né bambini in grembo
Non porto fiori né miscugli incendiari
Porto scompiglio nella tua ragione,
nelle tue teorie, nel tuo realismo
Perché non giacerò nelle tue trincee
Né scaverò trincee per te
Né mi unirò alla tua lotta armata
Per trincee più belle e più grandi
Non camminerò con te né per te,
Non vivrò con te, né morirò per te
Ma neppure cercherò di negarti
Il tuo diritto a vivere e morire
Non dividerò con te neppure un centimetro di questa terra
Finché tu sei maledettamente proteso verso la distruzione
Ma neppure negherò che siamo fatti della stessa terra nati dalla stessa
Madre non ti permetterò di legare la mia vita alla tua
Ma ti dirò che le nostre vite sono legate insieme
E esigerò che tu viva per comprendere
Questa cosa importante
Che sono una donna pericolosa
Perché devi sapere, signore, che
Sono una donna pericolosa
Perché non tacerò niente di tutto questo
Non colluderò con te
Non avrò fiducia in te né ti disprezzerò
Sono pericolosa perché non rinuncerò, non tacerò
Né mi adatterò alla tua versione della realtà
Tu hai congiurato per svendere la mia vita
E io sono molto pericolosa
Perché non potrò perdonare né dimenticare
Né mai congiurerò per svendere la tua in cambio.


(A Breve aggiungerò la versione inglese) Have a little patience!!

Nessun commento:

Posta un commento