domenica 18 aprile 2010

Nata dal mare.




                                                                                                                                                                                                         A Boris.

Mi siedo e scrivo una storia "Nata dal mare". 

Vocali e consonanti si uniscono e creano Parole, poi il vento arriva e se le porta via. Fogli di carta bianca e nera d'inchiostro sfuggono da mani che cercano appena di impedire gli eventi. Cadono sul mare  a riva, sulla sabbia. Volano sugli scogli, sospesi. Si adagiano infine, come fatti di niente, e galleggiano. Li osservo senza reazioni, emozioni. 
Non urlo, non parlo, non penso e non sento, ma respiro con calma e getto la penna che è madre di tutto il creato. Spero affoghino insieme, fogli e penna, senza dolore. Come me adesso, immobile, senza reazioni, emozioni.
Non urlo, non parlo, non penso e non sento, ma respiro. Senza dolore, solo il pensiero di lui e nelle orecchie, il mare, che culla e distrae. Il mare che scrive e cancella, che nutre, che all'alba si coniuga al giorno e lo accompagna fino a sera, che è fatta di azzurro. Il mare che uccide, ma solo se uno è stanco, che crea, che consola, che accoglie ed ispira. Il mare che detta, che impone, che esiste da sempre, che "sempre" è il mare. 



Nessun commento:

Posta un commento